image-898
image-604

ASSOCIAZIONE

MENU

CONTATTI

Sede: via Benacense II, n. 77/bis

Rovereto | Trentino A.A.

 

info@pauperwave.com

Associazione No Profit

PAUPERWAVE

L'associazione PAUPERWAVE promuove il gioco "intelligente" in tutte le sue forme sia real che online.

image-404

facebook
youtube
twitter
tumblr

www.pauperwave.com @ All Right Reserved 2020 |

FOLLOW US

Inside the Challenge #70: Non odio solo Burn

2021-05-26 13:55

Alessandro Moretti

Game Analysis, #challenge, #monarch, #borosbully, #burn,

Inside the Challenge #70: Non odio solo Burn

Articolo di Alessandro Moretti

lrw-186-needle-drop-1622020634.jpg

 

Bravo Alessandro Moretti che è rimasto sveglio fino alle 3 di notte perché non c’erano altre persone per raccogliere i dati della challenge di domenica.

 

Oggi è il giorno in cui odio sia Fate che Burn.

 

Questo per iniziare con l’argomento della giornata: il metagame delle challenge Pauper è stabile e prevedibile, con una maggioranza di mazzi in-menta al sabato e con una maggioranza di out-of-tier, che cercano di spikare la giornata, alla domenica.

 

Il meta delle challenge, ben diverso da quello delle leghe, è diviso in due categorie: mazzi Monarch e anti-Monarch.

 
 

Da X-2 a X-0

Sabato 22 Maggio

 

  1. Bully – janicestone (8-1)
  2. Flicker Tron – Rclint21 (6-3)
  3. Izzet Faeries – cicciogire (6-2)
  4. Dimir Faeries – barff (6-2)
  5. Bully – Mogged (5-2)
  6. GR Ponza – touto_isle (5-2)
  7. Walls – HouseOfManaMTG (5-2)
  8. Izzet Faeries – msskinbolic (5-2)
  9. Aura – Tweedel (4-2)
  10. Dimir Faeries – nekonekoneko
  11. GR Ponza – Juaspas
  12. Bully – John1111
  13. Burn – ElySilva
  14. Flicker Tron – Brivenix
  15. Izzet Faeries – boltdabirb
  16. Pestilence – A_AdeptoTerra

 

22-05x2-1622021143.png22-05metashare-1622021150.png22-05winrates-1622021157.png

Domenica 23 Maggio

 

 

  1. Izzet Faeries - cicciogire (9-1)
  2. Boros Monarch – mikelarteta (8-2)
  3. Dimir Faeries - shadow_PT (8-1)
  4. Dimir Faeries – insidemtg (7-2)
  5. Izzet Faeries – Diem4x (5-3)
  6. Bully – PauloCabral_Br (5-3)
  7. Affinity – pokerswizard (5-3)
  8. Walls – Lollopollo2001 (5-3)
  9. Izzet Faeries – BOB_THE_CAT (5-2)
  10. Elves – wambocombo2020
  11. Izzet Faeries – Venom1
  12. Burn – BilBraskey
  13. Stompy – BonVoyYawg
  14. Flicker Tron – Oscar_Franco
  15. Walls – SambucoDeCulo
  16. Dimir Delver – someoldguy

 

   nb: (finale splittata)

 

23-05x2-1622021799.png23-05metashare-1622021806.png23-05winrates-1622021813.png

 

Gli X-2, che sono il miglior metro di paragone se consideriamo valevole come risultato minimo raggiungere la top16 [la griglia premi delle challenge su MTGO premia fino alla top32 per il Pauper, ma maggiormente se si raggiunge almeno la top16], mostrano chiaramente che il Monarch.dek più valido rimane il macro-archetipo Blue Faeries.


Boros Midrange sembra rimanere il midrange di riferimento (e l’anti-faeries di riferimento), Green Midrange è un universo più vario rispetto a quello di Kor Skyfisher, però ha in comune l’avere MU più polarizzati e dipendenti dal riuscire a giocare in curva, a causa del costo di mana dei cascanti (Boarding Party e Piedino).

 

Una, a mio parere, ottima idea di Midrange verde è la lista Gruul di Walker 735 che, fondamentalmente è Boros Monarch che taglia il bianco per mettere il verde. Le burn spells sono ovviamente molto sinergiche con le capacità di beatdown di Boarding Party, mentre la metallurgia viene in parte garantita da scelte come Spare Supplies (che fornisce vantaggio carte nudo e crudo ai cascanti) e Darksteel Citadel (molto interessante la combo con Cleansing Wildfire, che rende la terra artefatto colorless anche un modo di fare mana ramp).

 

walker735urmetal-1622030099.PNG

 

Ovviamente il problema principale di questo tipo di build è che alcuni MU, anche tra i mazzi a base creatura (Heroic, Bogles, Walls Cascade, Elves) possono risultare brutti e non vincibili.

 

 

Analisi

 

Continuiamo poi a parlare del meta generale e di quelle che sembrano essere le scelte più adottate tra archetipi giocati e vincenti.

 

Consideriamo però un paio di cose prima:

  • Il numero limitato di giocatori fa sì che alcuni archetipi possano apparire nel meta più presenti di quel che sono realmente
  • La challenge domenicale presenta un maggior numero di archetipi, dato sia dal maggior numero di giocatori, ma probabilmente anche dal clima più casual rispetto a quella di sabato, che è in un orario più scomodo per chi non è un grinder.

 

Fatine è chiaramente il miglior mazzo Monarch e praticamente, assieme a Flicker Tron, costituisce il back ground Control del formato, nonostante non sia propriamente un mazzo Control.

 

Sia Fate che tutti i Flicker deck hanno il vantaggio di poter prendere un approccio molto “aggressivo” sulla partita in mid / late game, potendosi valere su fonti di vantaggio carte che (solitamente) non hanno un pari negli archetipi fair e che oltretutto rendono il loro lategame virtualmente imbattibile.

 

Carte come i cascanti, l’insieme di Winding Way + Lead the Stampede e, sotto certi aspetti, anche carte come Burning-Tree Emissary sono tipi di design che permettono di generare un tipo di vantaggio (non solo card advantage) che permette di andare a bilanciare gli aspetti dell’endgame ed esplosività del Monarch con una race maggiore o con più card advantage in una singola spell, piuttosto che turno dopo turno.

 

De facto un Big Value vs Big Beatdown, che rende quindi necessario per molti mazzi avere la possibilità di rispondere bene ad almeno due tipi di strategia non esattamente conciliabili tra di loro e che ovviamente favoriscono gli archetipi capaci di interagire bene con entrambi questi aspetti: Blue Faeries, Flicker Tron e in parte Midrange Monarch.

 

Tra questo scontro tra due titani vi sono dei piccoli Davide che cercano di appigliarsi a fessure e debolezze che potenzialmente possono dargli qualche chance extra con un archetipo specifico.

 

Ad esempio, Burn in challenge è molto giocato, nonostante sia uno dei migliori MU possibili per Blue Faeries perché può predare:

1) gli avversari senza risposte in mano (dato che se non riuscite a pescare in tempo counter o rimozioni potete morire da una Curse of the Pierced Heart o da un Thermo-Alchemist),

oppure

2) i combo a base verde (prettamente Walls, sia col piano Cascade che Freed from the Real) che sono molto favorevoli per un mazzo che può giocare prevalentemente Lightning Bolt e fino a 4 Martyr of Ashes di side.


Togliendo però questi MU, Burn è uno di quegli archetipi che cerca di puntare al passare sotto alle risposte avversarie, rendendolo quindi un mazzo con alte perfomance quando è non risposto ed ha una mano media-forte.


Per questo tipo di motivo mi sento sempre di sconsigliare Burn. Pensate anche solo alle partite contro Flicker Tron, che a detta di molti giocatori di Burn dovrebbe essere il mazzo che vorresti sempre affrontare, è comunque una pila di counterspell che punta ad abusare di spell infinite (o quasi) in combo con Weather the Storm, Pulse of Murasa, Hydroblast ed Ephemerate.


Infine, generalmente parlando, Fate continua ad essere l’archetipo che combacia migliori performance e migliori presenze, avendo le chance maggiori di battere anche i MU difficili.

Non penso sia strano e non penso nemmeno sia sbagliato. Alla fine ha la flessibilità e manipolazione del colore blu, in un formato dove i concept base del blu come inizialmente inteso con MtG sono tuttora presenti.

 

cicciogireurmo-1622030087.PNG

 

Vincitori e Vinti

 

1) Burn e Affinity continuano ad avere delle perfomance brutte, o altalenanti. Affinity è sembra rimanere un Atog-Disciple combo piuttosto che l’aggro con reach che inizialmente era.

 

2) Boros Monarch e Bully saranno ben posizionati se il meta dovesse continuare così.

 

3) Mass removal per creature con costituzione maggiore di 2 sono necessarie (Swirling Sandstorm, Krark-Clan Shaman, ecc.).

 

4) I midrange verdi sono molto calati, ma Ponza è ancora diffuso, più veloce e facile rispetto a Jund e simili.

 

5) In un meta senza Ponza e Jund, con Blue Faeries, Boros Midrange e Walls, una alternativa potrebbe essere Bx Midrange (lifegain + Pestilence sembra una alternativa valida).

 


mikelartetaboros-1622030076.PNG

 

Penso sia utile dare una occhiata alla lista arrivata al secondo posto domenica: non penso che sia una buona build di Boros Monarch (la side è inguardabile), ma mi piace l'idea di giocare Boarding Party, anche solo in 2 copie, perché semplicemente è una carta molto buona.


Forse avrebbe senso tagliare Prismatic Strands dal maindeck e sicuramente avrebbe senso togliere Angelic Purge, che fa pena senza Ichor Wellspring, ma concettualmente Boarding Party è il miglior cascante comune grazie al suo rapporto cmc/body e a rapidità.
 

Non vedo alcun senso nel giocare il monarch rosso in un mazzo contro cui Hydroblast è il side in più probabile, oltre al fatto che non può flashbackare Prismatic Strands, nonostante le stats del monarch rosso siano migliori di quelle del monarch bianco.

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder